In arrivo una piattaforma cinese online in Bulgaria

In arrivo una piattaforma cinese online in Bulgaria

25 Maggio 2018,

La Bulgaria ha la possibilità di diventare una destinazione turistica sulla nuova via della seta, l’iniziativa strategica cinese conosciuta come “una zona, una via.” Questo ha sottolineato Irina Beleva, Console Generale della Bulgaria a Shanghai (2011-2015), co-fondatore e consulente senior presso l’Associazione bulgaro-cinese per lo sviluppo imprenditoriale, nel corso del Forum bulgaro-cinese “Politiche internazionali di cluster” che ha avuto luogo il 18 e il 19 maggio al Festival e Congress Centre (FCC ) di Varna.

L’evento, a cui hanno partecipato oltre 50 imprese, clusters e istituzioni educative, è stato organizzato dall’Istituto “Confucio” presso l’Università di “SS Cirillo e Metodi” di Veliko tarnovo e dal “Cluster del Mar Nero Innovazione e Sviluppo” con il sostegno del “Cluster per il supporto del business turistico nel Mar Nero” e del Cluster di Consulenza Veritas. Tra gli ospiti ufficiali erano presenti il prof. Li, direttore dell’Istituto “Confucio” di Bonn e vicepreside della Scuola di Business presso l’Università di Lingua e Cultura di Pechino, e il prof. Juan Manu, capo della Scuola di Business e Management presso l’Università di Economia e Diritto di Wuhan.

La Beleva ha sottolineato diversi fattori importanti nei rapporti Bulgaria – Cina, tra cui la recente concessione dell’aeroporto di Plovdiv al consorzio guidato dall’investitore cinese HNA Group, il prossima vertice tra i paesi dell’Est Europa e la Cina nell’ambito dell’iniziativa “16 + 1”, l’apertura del primo “16 + 1 hub logistico ” nella Zona economica Trakia a Plovdiv. Proprio nella Zona economica di Trakia avrà sede il primo ufficio congiunto di Shenzhen Cross-Border E-Commerce Association e “16 + 1 Centro Logistico e commercio elettronico di prodotti agricoli “, come ha annunciato la s.ra Yovka Yaneva dal Centro di promozione della cooperazione agricola tra la Cina e i Paesi dall’Europa centrale e orientale.

Cosi sarà realizzata la prima piattaforma online Cina – Europa centrorientale.
Il progetto discusso a Varna costituisce la base per lo sviluppo delle relazioni turistiche tra i due paesi, ha affermato nel suo intervento Ivan Todorov, presidente del Centro bulgaro per lo sviluppo, investimenti e turismo con la Cina. Yana Perperieva, direttore commerciale di Woltopia Cina, ha invece dimostrato il successo di Woltopia nello sviluppo dell’industria dell’intrattenimento in Cina.

Dopo la sessione plenaria, i partecipanti al forum si sono goduti esibizioni di arti marziali e danza cinese degli studenti dell’Università di “SS. Cirillo e Metodio “. Sono stati coinvolti anche i bambini della scuola materna “Liastovichka” di Varna, che studiano il cinese.

I partecipanti sono stati estremamente attivi durante le discussioni del panel turismo, digitalizzazione e istruzione. Il prof. Stoyan Marinov ha moderato la discussione sui modelli di sviluppo dei cluster turistici nel mondo globalizzato. Esempi interessanti di possibilità di digitalizzazione in vari campi sono stati presentati dalla prof.ssa Andronika Martonova dell’ Instituto per lo studio delle Arti, da Vesselin Vassilev di PTM Automotion e da Slav Panajotov del Whiteboard Elephant Studio. La sessione è stata moderata dal èrof. Georgi Angelov, dall’Università Tecnica di Sofia e Presidente del cluster Microelettronica e sistemi elettronici industriali.

Una vivace discussione ha suscitato anche il tema della creatività e della collaborazione delle reti di cluster, moderato da Genoveva Hristova-Myri, presidente della Business Clusters Association. Sono stati discussi i problemi e le sfide della cooperazione tra aziende e organizzazioni, specialmente in situazioni altamente competitive. I rappresentanti della Università di Management hanno presentato le loro opinioni sulla promozione di Varna come destinazione di studio per gli studenti cinesi. I lavori sono proseguiti in un tavola ristretta anche il 19 maggio.